leggende caffèleggende caffè

Sono diverse le leggende che si tramandano di bocca in bocca sul caffè, tradizioni trasmesse di generazione in generazione che alimentano il mistero della diabolica bevanda. Oggi abbiamo deciso di raccontarvi quella per noi più curiosa portandovi in viaggio dallo Yemen all'Etiopia, attraverso profumi e sapori.

Proprio nello Yemen infatti si è tramandata una leggenda che narra di come gli esseri umani abbiano iniziato a bere il caffè. Un pastore detto Kaldi, un giorno vide le sue capre nutrirsi di foglie e bacche di una pianta particolare. Gli animali si dimostrarono sin da subito agitati e molto più reattivi tanto che il pastore si interessò immediatamente a quella pianta miracolosa.

Una versione più recente della stessa leggenda narra di alcuni pastori copti dell'altopiano di caffè in Etiopia. Questi pastori si accorsero che le loro capre, dopo essersi nutrite di questa pianta particolare, erano molto più agitate di prima, aggredivano chiunque si avvicinasse a loro, nel branco regnava una grande inquietudine, in un continuo cozzar di corna. Ciò che sembrava però strano ed irreparabile ai pastori era che le capre giunte nella stalla non riposavano ma restavano sempre irrequiete. A notte fonda erano ancora tutte sveglie. Non capendo come risolvere la questione si rivolsero ad un monastero esponendo il loro problema ad un saggio monaco. Fu lui che riuscì a fare luce sulla questione scoprendo la causa di tanto trambusto: la pianta del caffè.

I semi della pianta incriminata furono esaminati, sottoposti ad esperimenti, abbrustoliti sul fuoco, macinati e versati nell'acqua calda. I monaci si resero subito conto che l'infuso prodotto da questa pianta li rendeva inquieti. Altre antiche leggende raccontano degli antenati degli attuali “Oromo” un popolo etnico africano che per primo scoprì le capacità energizzanti del caffè. Non sono state mai rintracciate le origini storiche di questa storia tanto da poterne comprendere a pieno lo sviluppo, l'unica cosa certa è che il caffè vanta origini antichissime e misteriose, non ancora del tutto chiare.

Condividi su: