caffe borbonecaffe borbone

Un’azienda che appartiene alla vita quotidiana di milioni di italiani, Caffè Borbone produce ben 58 tonnellate di caffè crudo trasformato al giorno, caratterizzandosi come una vera e propria leader del settore. In fondo il caffè vanta una lunghissima tradizione proprio italiana ed in particolare Napoli si classifica come la capitale mondiale di questa preziosa bevanda, dove viene preparata sempre secondo metodi artigianali.

Caffè Borbone punta da sempre al meglio per poter fornire ai suoi clienti un caffè inimitabile, nel pieno rispetto proprio della tradizione napoletana. Grazie alla continua innovazione tecnologica, il caffè macinato, le cialde e le capsule Borbone, dalle classiche a quelle decaffeinate o all’orzo e al ginseng, sono richiestissime perché consentono di gustare un buonissimo caffè fatto in casa, proprio come quello del bar.

Bere una tazzina di caffè Borbone significa compiere un viaggio nel tempo, per poter tornare alla Napoli della seconda metà del Settecento, la prima città italiana, la seconda in Europa e la quinta in assoluto nel mondo, una delle poche città in cui si poteva usufruire di acqua corrente nelle case e di un vero e proprio sistema fognario, insomma una Napoli appartenente al regno dei Borboni. Ed è proprio a questo splendore che si ispira quotidianamente uno dei marchi più apprezzati sul mercato del caffè.

Una tazzina di caffè che non è un semplice momento di relax ma un vero e proprio viaggio sensoriale che attraversa la tradizione napoletana, con un rito di piacere ineguagliabile. Caffè Borbone è prima di tutto una famiglia, che con amore, nel corso degli anni, ha coltivato la passione per questo prodotto, sfruttando le migliori tecnologie per creare un prodotto di qualità.

L’accurata selezione delle materie prime, sia nel processo di lavorazione automatizzato ma sempre supervisionato, e ad una costante proiezione verso il futuro, al sistema certificato di gestione e controllo del prodotto, Caffè Borbone è pregiato di certificazioni di qualità internazionali.

Condividi su: